Separatore

Luciano Tarantino

Pubblicato 3 gennaio 2018 da EuroMusic in Archi
Violoncellista Luciano Tarantino, nato a Bari nel ’77, si diploma giovanissimo presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, affiancando contemporaneamente studi con i più grandi maestri violoncellisti come Rostropovich, Ormezowski, Mork, Geringas, e Monighetti, che gli hanno permesso a soli 20 anni, di qualificarsi in concorsi come primo violoncello in importanti orchestre sinfoniche e liriche come Rai di Torino, Santa Cecilia di Roma, Arturo Toscanini di Parma, Maggio Fiorentino, Arena di Verona, Radio di Lugano, etc. E’ stato diretto da importantissimi direttori d’orchestra come Lorin Maazel, Giuseppe Sinopoli, Frubeck Deburgos, Kirill Pretrenko, Eliau Inbal, Gianandrea Noseda, JaffreyTate, e tanti altri. Ha tenuto concerti in teatri esteri importanti come Opera Garnier di Paris, Bolshoi di Mosca, Kubikiza di Tokyo, e ancora Pechino, Stoccolma, Madrid, Istanbul, Beirut, Seoul, Johannesburg, Dubrovnik etc. Ha registrato per emittenti televisive come Rai, Bbc, Tv France, Tv Japan, e inciso più di 20 cd, tra cui l’ultimo chiamato “Cello Encores” che lo ha visto protagonista della campagna nazionale crownfunding promossa da MusicRaiser. Suona il preziosissimo violoncello italiano “Carlo Antonio Testore” del 1736.

Concerto per Violoncello solo
“Cello In The Universe”
“Cello In The Universe” è un concerto esplorativo per violoncello solo, un viaggio itinerante nel tempo e nei luoghi di tutto il mondo.
Programma
Evaristo Felice Dall’Abaco (1675-1742) Capriccio n. 1
Johann Sebastian Bach (1685-1850) Preludio dalla 3° Suite
Isaac Albéniz (1860-1909) Asturia
Paul Tortelier (1914-1990) En Piste e Poneys dalla Suite “Mon Cirque”
Sergei Prokofiev (1891-1953) Sonata
Miklòs Ròzsa (1907-1995) Toccata Capricciosa
Philip Glass (1937) Song n. 2
Astor Piazzolla (1921-1992) Tango Etude n. 3
Alexander Tcherepnin (1899-1977) Suite in 4 movimenti, dai temi orientali
Giovanni Sollima (1962) Lamentatio




Concerto per Violoncello e Pianoforte
“Cello Encores”
“Cello Encores” è un concerto virtuoso per Violoncello e Pianoforte, nato come progetto discografico realizzato mediante campagna di crowfunding, tenutasi nel novembre 2016 presso la piattaforma Music Raiser.
L’idea è quella della trascrizione, ossia andare indietro nel tempo, intorno all’Ottocento, epoca in cui questa pratica era molto di moda, prendere appunto in prestito alcuni brani che avevano entusiasmato i salotti di allora, tanto da essere richiesti come bis, Encores appunto, e riportarli ad oggi per riproporli al pubblico in chiave personalizzata.
La scelta antologica di questo progetto. risulta essere un vero e proprio divertimento per l’ascoltatore che rimane letteralmente sbalordito dal virtuosismo del duo violoncello-pianoforte.
Programma
Brani Cantabili
Frank Bridge (1879 -1941) SpringSong
Edward Elgar (1857-1934) Salut d’amour
Gabriel Faurè (1845-1924) Sicilienne
Enrique Granados (1867-1916) Intermezzo da “Goyescas”
Ruggiero Leoncavallo (1857-1919) Serenade
Francis Poulenc (1899-1963) Les chemins de l’Amour
Maurice Ravel (1875-1937) Habanera
Pyotr Ilyich Tchaikowski (1840-1893) Souvenir d’un lieu cher
Frank Bridge (1879-1941) Cradle Song
Brani Virtuosi
Gabriel Faurè (1845-1924) Papillon
Sergei Rachmaninov (1873-1943) Dance Orientale
Rimsky-Korsakov (1844-1908) Flight of the Bumble-Bee
David Popper (1843-1913) Papillon dal Maskenballscene
Davdi Popper (1843-1913) Spinning Song
David Popper (1843-1913) Dance of the Elves
Mistislav Rostropovich (1927-2007) Humoreske op.5
Carl Maria von Weber (1786-1826) Adagio and Rondò


Spettacolo per Voce Narrante, Violoncello e Pianoforte “Mara”.
Breve storia: racconto dolce e ironico per conoscere meglio la musica attraverso le sensazioni di uno strumento.
Creato dal genio di A. Stradivari, Mara è uno dei più preziosi violoncelli del mondo.
Trecento anni e suona come se fosse il primo giorno! Deve il suo nome al suo primo proprietario conosciuto, un virtuoso eccezionale ma dedito all’alcol, che lo venderà per pagare i propri debiti.
Poi Mara ha viaggiato, in Europa e in America, è stato ascoltato da musicisti come Mozart e Haydn, apprezzato da imperatori e principi elettori. Oggi, dalla sua casa viennese, sogna di essere suonato da un giovane russo e ha un unico rimpianto: che Mozart non abbia scritto nulla per lui.
In questo racconto Mara narra in prima persona la sua vita e ci svela il possibile segreto del suo successo: tre secoli di musiche e musicisti, virtuosi, collezionisti e banchieri raccontati da un grande protagonista.
Un’autobiografia insolita e sorprendente che si traduce non soltanto in resoconto storico ma anche in una dichiarazione d’amore per l’arte.
Tratto liberamente da “Mara. Autobiografia di un violoncello” di Wolf Wondratsch
Scritto da Nica Carbonara
Interpreti
Voce Narrante Nica Carbonara
Violoncello M. Luciano Tarantino
Pianoforte M. Giuseppe Bini
Musiche di Bach, Poulanc, Rachmaninov, Sostakovic, Popper, Monti, Piazzolla


“Sollima and Friends”
Giovanni Sollima e gli ApuliaCelloSolists
Concerto di soli violoncelli, un incontro mediterraneo tra Giovanni Sollima, siciliano, il
violoncellista più acclamato di questo secolo, e i violoncellisti più di spicco del territorio
pugliese. Il violoncello che più di ogni altro strumento interpreta perfettamente la voce
umana, al servizio della musica in tutti i suoi generi.
Giovanni Sollima
ApuliaCelloSolists: Giovanni Astorino, Giuseppe Carabellese, Fabio De Leonardis,
Tiziana Di Giuseppe, Gaetano Simone, Francesco Tanzi e Luciano Tarantino.
Musiche di G. Sollima, G.B. Cirri, F. Chopin, E. Elgar, L. Boccherini, G. Rossini, trad.
Armeno, trad. Salento, Pixinguinha, Nirvana.








Separa dai commenti
  • Facebook